Case ecologiche

May 28, 2015

Per installare una casa prefabbricata in legno su un determinato suolo, bisogna rispettare categoricamente delle normative. Si tratta, infatti, di una regola ben precisa, che stabilisce il posizionamento di strutture simili previo l’autorizzazione dell’ufficio tecnico del comune di competenza purché con altri parametri essenziali.  Questa nota, che inseriamo subito all’inizio dell’articolo, serve a far capire ad un nuovo cliente che intende abitare in legno, che una casa prefabbricata richiede alcune informazioni preliminari, per evitare poi degli acquisti affrettati.  Di solito chi sceglie questa tipologia di case, è già abbastanza informato sulle varie tecniche di costruzione, la qualità delle finiture interne ed esterne e degli impianti annessi, che poi sono fondamentali, per la  funzionalità e soprattutto per garantire il miglior comfort abitativo.  

 

 

 

Spesso quando ci si reca in alcune fiere espositive della casa o specifiche del settore dell’edilizia, si possono ammirare molte case prefabbricate, opportunamente montate e visitabili, con tanto di tecnici specializzati, che rispondono alle domande dei curiosi, e sopratutto a coloro, che intendono riceverle per abitare in legno, proprio perché sono abbastanza convinti della scelta che stanno per compiere.  Le domande più frequenti, sono in genere: Le case prefabbricate possono essere realizzate su un terreno non edificabile?    Ho un terreno agricolo, ci posso  costruire una casa in legno? E’ necessario chiedere un permesso speciale? Le domande sono tutte pertinenti, ed esigono quindi una risposta adeguata, tale da far sparire tutti i dubbi (o certezze) in merito agli argomenti.  Nello specifico, diciamo che se analizziamo a fondo il problema, non sarebbe possibile realizzare una casa prefabbricata sopra  un terreno agricolo, oppure  non edificabile, perché sotto una specifica tutela ambientale del comune di competenza. Questa condizione, forse è la risposta che molti non vorrebbero mai sentire. Tuttavia c’è da aggiungere che optando per strutture mobili, ovvero case realizzate con dei moduli abitativi aventi una  superficie minima di 25 mq, con la possibilità di assemblarle con altre della stessa quadratura, e poste su ruote (che si possono tranquillamente occultare con dello stesso legno o aiuole), il problema è in parte risolto. Le case prefabbricate, siano esse su ruote o appoggiate regolarmente su basamenti in cemento armato, sono molto solide, e le prime, consentono a chi possiede un terreno agricolo o non edificabile, di collocarla comunque, scegliendo la quadratura  in base alle proprie esigenze. Dopo questa lunga e doverosa premessa, che serve principalmente a far capire che le case prefabbricate, si possono sempre installare in un modo o nell’altro, continuiamo l’articolo, soffermandoci su altri tre  punti chiave, che poi rappresentano tre elementi importanti ai fini della realizzazione di una casa prefabbricata. In primis diciamo che le case ecologiche, sono una delle tante priorità che le aziende si pongono e che come nel caso di Habita GHS, che opera sul territorio della Svizzera italiana, rappresentano il suo fiore all’occhiello, visto che proprio in questo paese, da sempre attento a salvaguardare l’ambiente (addirittura prima  del famoso trattato di Kioto), ha progettato e realizzato case ecologiche che garantiscono estetica, funzionalità ed efficienza.  Altri due aspetti precedentemente  accennati ovvero l’isolamento termico e il risparmio energetico, ci introducono alle  case coibentate, ovvero delle particolari condizioni di imbottitura di pareti esterne ed interne delle case prefabbricate, che consentono di ottenere delle intercapedini in grado di far traspirare il legno, e renderlo ideale per accumulare calore in inverno, e il fresco in estate, quindi atte a garantire sotto questo aspetto il massimo del comfort a chi le sceglie come uso abitativo definitivo.  Le case coibentate, sono in genere costruite con murali in legno di tipo a telaio, nelle cui parte centrale, viene inserita della lana di roccia o altri materiali isotermici, come ad esempio alcune fibre, uno fra tutti il sughero, ottimo per massimizzare il risultato. Il fattore termico è tuttavia strettamente legato al risparmio energetico, specie se eseguito a regola d’arte. Se ciò viene eseguito con criteri specifici come solo le imprese edili Canton Ticino sono in grado di fare,  allora c’è da stare tranquilli, che l’acquisto di una casa vista sul web attraverso le brochure del  sito: www.habita.ch   o da vicino in una fiera a cui hanno partecipato anche le imprese edili Canton Ticino, si rivelerà una scelta impeccabile, che a lungo andare sarà soltanto lodata!

Please reload

Follow Us
Please reload

Search By Tags
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square