• Federico Naef

Pareti coibentate prefabbricate


Le case prefabbricate in legno, vengono da anni costruite con questo materiale, poiché, è naturale, di facile reperibilità, altamente ecologico,ed in grado di soddisfare le migliori tecniche realizzative proprio grazie alle sue enormi potenzialità strutturali. In quest’articolo, a tale proposito analizziamo alcuni aspetti importanti, che poi in definitiva rappresenta un viaggio nel profondo di questo materiale tra i più diffusi sulla terra, e senza dubbio in grado di donare comfort e bellezza che una casa tradizionale in muratura per quanto elegante e con un design di lusso, non potrà mai dare.

La fibra di legno è un materiale realizzato con scarti di segheria provenienti dalla lavorazione del legname di alcune conifere, come ad esempio l’abete rosso o il pino, ovvero due legni molto utilizzati per la costruzione di pareti modulari nelle case prefabbricate. Successivamente viene scomposto in fibre molto fini grazie ad trattamento termico e meccanico.

Le fibre vengono poi intrecciate, infeltrite, bollite oppure trattate con del vapore ad un’alta temperatura, ed infine pressate diventando dei pannelli compatti di varie quadrature e il tutto senza l’aggiunta di nessun collante in quanto già presente nel materiale sotto forma di resina naturale. La fibra di legno essendo ad alta densità, viene utilizzata nella costruzione di pareti legno prefabbricate e

quindi è versatile e si presta per molte applicazioni specie per pareti modulari, per l’isolamento termico ed acustico di tutte le pareti, siano esse di facciata o divisorie,oltre che per le coperture come ad esempio i tetti come cappotto intonacato. La qualità fonoassorbente, ne consente tuttavia anche l’impiego sotto al pavimento per massimizzare l’insonorizzazione dei solai.

Analizzando a fondo le caratteristiche strutturali dei pannelli isolanti, scopriamo che sono davvero molto interessanti, infatti, la suddetta fibra delle pareti legno prefabbricate è anche traspirante e permeabile al vapore acqueo. Tutte queste enormi proprietà, ne hanno di conseguenza determinato il successo, e quindi la maggior parte dei costruttori di case prefabbricate ne fanno un uso a larga scala.

La fibra di legno, è di conseguenza un materiale naturale ed ecologico, con relativi ed importanti riflessi benefici sull’ambiente e sul comfort abitativo. La presenza all’interno delle fibre di legno di resine naturali rende una parete legno insensibile all’umidità rispetto ad altri come ad esempio la lana di roccia. In definitiva, possiamo aggiungere che il legno per case è un composto economico, molto maneggevole e di facile lavorazione. Non tutti i costruttori di case prefabbricate tendono tuttavia ad utilizzare i pannelli in fibra, non solo per realizzare una parete legno di un certo spessore, ma anche per creare strutture a telaio, grazie proprio all’elevata caratteristiche di traspirabilità e densità, che consentono di ottimizzare lo sfasamento del flusso termico in estate per oltre mezza giornata.

La fibra di legno è un eccellente e naturale regolatore igrometrico, in grado quindi di impedire la formazione di muffe e relative spore fungine. Nelle zone dove fa molto freddo, le pareti coibentate prefabbricate vengono realizzate con pannelli in fibra di legno hanno uno spessore maggiorato, ma non dal punto di vista strutturale, bensì grazie al materiale che di volta in volta si utilizza per le pareti coibentate prefabbricate. Le case in legno dei paesi nordici, hanno infatti, dimostrato che gli isolamenti di elevato spessore (circa 30 centimetri), impediscono totalmente al freddo di penetrare all’interno delle strutture abitative. Da ciò si evince che un buon isolante per territori meno ostili dal punti di vista climatico, può garantire il top se raggiunge uno spessore di almeno 20 centimetri, ideali per ottimizzare le prestazioni energetiche per tutto l’anno.

Il legno per case e i suoi isolanti non amano tuttavia il contatto diretto con l’acqua per cui è fondamentale provvedere a creare un efficace scorrimento della pioggia, evitando pericolosi ristagni. Le tegole in questo caso devono necessariamente avere una tenuta stagna ed un’inclinazione non inferiore a 18 gradi. A margine di quanto sin qui descritto, concludiamo dicendo che le case in legno hanno grazie a questo prezioso materiale naturale, un alto standard qualitativo. Una casa in legno realizzata in cantiere può essere però influenzata da alcuni fattori negativi legati principalmente ad un’ottica speculativa ovvero se i lavori vengono affidati a ditte che non usano quello gusto e con il risultato che nel giro di pochi anni, il cliente scopre gradualmente le lacune di fondo, che si ripercuotono poi sulla durata negli anni con enormi danni sotto tutti gli aspetti, da quello economico al psicologico.

#risparmioenergetico #caseprefabbricate #caseinlegno