• Federico Naef

Bioedilizia Svizzera


Oggi le case prefabbricate vengono realizzate con legno di ottima qualità, solitamente proveniente dalle foreste. Si tratta in genere di conifere (abete), quindi di legno massiccio, a cui vengono aggiunti in fase di lavorazione dei supporti in acciaio o in ferro, per migliorare la stabilità della struttura portante, e quindi a garantire maggiore sicurezza alle case prefabbricate, rendendole di fatto antisismiche e che le fanno catalogare nel reparto bioedilizia.

Per la realizzazione di una casa in legno, dopo un’accurata fase di progettazione, si inizia realizzando la suddetta struttura portante (telaio), dopodichè le pareti precedentemente realizzate, vengono assemblate e appoggiate sull’impalcatura con estrema facilità e praticità, ed è per questo motivo che vengono definite case a moduli. Oltre al sistema a telaio, come legno per case, viene anche utilizzato quello in XLAM che consente di realizzare delle strutture abitative molto robuste e che possono arrivare anche ad un’ altezza di oltre 30 metri. Si tratta in questo caso di legno a più stati che viene incollato, compattato e pressato alla perfezione, rendendolo indeformabile e simile al massello.

La costruzione di una casa in bioedilizia può tuttavia creare delle problematiche sia dal punto di vista strutturale (strettamente in riferimento alla fase di progettazione e realizzazione), che di tipo tecnico, quindi legate al legno utilizzato e alle sue caratteristiche morfologiche.

Tra i difetti delle case prefabbricate xlam o modulari, anche se pochi, ce ne sono tuttavia alcuni, ma si tratta di problemi superabili e uno fra tutti consiste nella difficoltà di eventuali ripensamenti in corso d’opera. Il montaggio di una casa prefabbricata in legno è infatti, subordinato a misure specifiche, quindi se i pannelli di legno per case sono già stati tutti tagliati e preparati per un determinato progetto, risultano inutilizzabili se si intende optare per una quadratura diversa della struttura abitativa.

A questo particolare c’è poi da aggiungere che su tutte le pareti delle case a moduli non è possibile apportare modifiche o quanto meno risulta molto dispendioso farlo.

I rischi di possedere una casa non efficiente e quindi non rispettosa dei parametri necessari per definirla ecologica, indipendentemente se si tratta di case prefabbricate xlam o modulari, sono quindi legati tutti principalmente alla qualità del legno utilizzato e dal rischio d’incendi, di un progressivo deterioramento, o dall’attacco d’insetti e spore fungine causate dalla trasudazione eccessiva e dalla formazione di umidità sulle pareti.

Con riferimento al primo rischio, il legno è generalmente per i progetti casa in legno considerato come un materiale altamente infiammabile, anche se il pericolo è reale. Tuttavia se viene trattato in modo corretto, quindi con particolari sostanze ignifughe o con altri materiali che ritardano la propagazione della fiamma, il pericolo può essere scongiurato e comunque serve a salvare la casa dalla distruzione totale da parte del fuoco.

Il legno è indubbiamente facilmente attaccabile dagli insetti, ma se si utilizzano dei sistemi difensivi adeguati durante la fase di lavorazione, anche questo pericolo viene scongiurato.

Il rischio legato all’umidità dell’aria è invece un punto cruciale per i progetti casa in legno, per cui è importante creare un isolamento esterno (cappotto termico), che serve ad impermeabilizzarla e renderla isolante anche dal freddo e dal caldo.

Le case prefabbricate in legno chiavi in mano, o se si preferisce chiamarle case pronte, è la soluzione ideale per chi cerca un alloggio per abitarci subito. I prezzi si possono calcolare soltanto indicativamente poiché sono di tipo standard e gia rifinite, anche se esistono case pronte molto più economiche e personalizzabili, in quanto non complete, quindi corredate soltanto di coperture, divisioni interne e pavimentazione.

La produzione delle case in legno ecologiche vanta un mercato florido in paesi come Austria, Germania e Svizzera, ed in particolare questo tipo di mercato non riguarda solo le strutture fisse, ma anche quelle su ruote, quindi trasportabili facilmente senza smontarle. A margine di quanto si qui descritto, possiamo dunque asserire che acquistare una casa in legno, offre molti vantaggi e anche ai fini della manutenzione, non è necessario dover fare grossi interventi, se non controllare lo stato degli isolanti esterni ed interni, provvedere periodicamente a qualche trattamento anti-tarme ed eliminare l’eventuale tracimazione di acqua piovana, controllando lo stato delle grondaie, per evitare l’acqua accumulata formi la muffa.

#bioedilizia #caseinlegno

0 views