• Federico Naef

Casa ecologica legno


Quando si parla di sistema costruttivo biologico, s’intende un metodologia che consente di realizzare delle strutture antisismiche prefabbricate in legno ed ecologiche, in grado rispettivamente di resistere a sollecitazioni di forte intensità, e salvaguardare l’incolumità degli abitanti della casa da ogni forma d’inquinamento.

Le strutture antisismiche inoltre, se realizzate a regola d’arte e nel rispetto delle vigenti normative di legge, garantiscono sicurezza per tutta la famiglia, e di più rispetto ad una struttura tradizionale in muratura.

I sistemi costruttivi per realizzare una casa antisismica prefabbricata in legno a prova di terremoto, sono regolati, da leggi e norme ben precise, che stabilisco in modo chiaro ed inequivocabile quali siano i principi fondamentali da seguire per progettare, realizzare e poi alla fine collaudare, ogni tipo di struttura. Per questo motivo scegliere ditte di costruzione rinomate con almeno 20 anni d’esperienza, e che si occupano di bioedilizia, significa avere una casa ecologica legno antisismica e garantita.

La valutazione del rischio sismico è l’elemento fondamentale quando si progetta una casa, per cui è importante sia la scelta del tipo di modalità costruttiva da adottare, che i materiali. Sul territorio italiano, ci sono delle norme ben definite secondo cui una casa prefabbricata antisismica, deve essere obbligatoriamente costruita con dei criteri ben precisi, specie nelle zone ad alto rischio sismico e in base ad una scala da 1 a 4, dove 1 indica il rischio più elevato. Analizzando nel dettaglio l’argomento, c’è da dire che una casa antisismica, per essere a norma, va realizzata in modo che, in caso di movimenti tellurici sussultori oppure ondulatori, non devono esserci crolli e perdite di stabilità.

L’utilizzo di materiali adatti allo scopo, come ad esempio dei blocchi di cemento armato con all’interno una struttura in ferro di tipo intrecciato, e preventivamente testato quindi sottoposto a trazione, pressione e tensione sono ideali per evitare rischi. Tuttavia, si tratta di materiali che oltre ad essere costosi, non sono certo rispettosi dell’ambiente, quindi per le costruzioni in bioedilizia, in riferimento alle case prefabbricate viene utilizzato il legno lamellare, ovvero un materiale che rispecchia i parametri impostati dalle normative antisismiche, ha dei costi molto inferiori, e pesa di meno rispetto al suddetto cemento armato.

L’utilizzo del legno lamellare per le case antisismiche, contribuisce quindi a diminuire il peso dell’intera struttura e che, in caso di eventi sismici violenti, mantiene un’elevata stabilità oltre ad assicurare grande resistenza.

Tutti gli elementi in legno lamellare, vengono poi assemblati tra loro con dei collanti altamente adesivi e giunti metallici, in modo da costituire, a montaggio terminato, una struttura antisismica perfettamente a norma.

Ogni casa antisismica, per essere considerata veramente tale, deve avere un’elevata resistenza a torsioni, e flessioni, cosi come a vibrazioni e deformazioni.

Per conoscere meglio il mondo della bioedilizia e saperne di più su queste strutture prefabbricate ad alta resistenza sismica, basta consultare le brochure online dei siti delle più famose ditte di costruzione, oppure visionare delle foto specifiche in cui sono elencate misure e numeri, che rappresentano la portata in caso di eventi altamente distruttivi. Affidarsi quindi ad un’impresa edile, che da anni si occupa di progettazione e realizzazione di case del genere, è altresì importante, in quanto, dopo un contatto preliminare (via telefono o mail ), è possibile fissare un appuntamento sul luogo dove s’intende posizionare la struttura abitativa, con esperti architetti e geologi, che dall’alto della loro esperienza, saranno in grado di stabilire misure, peso e qualità del legno necessario affinché una casa ecologica legno si possa definire tale sotto ogni punto di vista. Questo tipo di legno oltre che a garantire staticità e quindi sicurezza, serve anche per ottenere una struttura con un impatto ambientale zero, quindi senza l’utilizzo di elementi chimici e nocivi per la salute umana, ne tantomeno per l’ambiente circostante, e nel contempo per garantire il massimo del comfort abitativo. Inoltre visto che strutturalmente essendo a strati, spezza le onde sonore, si rivela essenziale per un efficace isolamento acustico. Infine, a dimostrazione di come questo tipo di legno consenta in un solo colpo di ottenere numerosi vantaggi se utilizzato nelle costruzioni di case prefabbricate, c’è da dire che anche ai fini dell’isolamento termico, si presta per coibentature, atte a proteggere gli interni dalla penetrazione di aria fredda e calda in inverno ed estate, ed ovviamente, impedire che le stesse possano fuoriuscire.

#caseecologiche #bioedilizia #caseprefabbricate

63 views